Andrea Baioni's Blog

ICT, Web Marketing and Magic…

ottobre 9th, 2009

Carte che passione!!!

Magic, by Andrea.

Per tutti coloro che amano i giochi di prestigio con le carte da gioco e sono a caccia di novità, consiglio un volume pubblicato per la prima volta nel 1935: Magia delle carte di Carlo Rossetti
Il volume, come esplicitato nel titolo, è un trattato completo di giochi di prestigio con le carte in cui sono spiegati con esempi e illustrazioni tutte le possibilità d’uso delle carte da gioco e sono illustrati i diversi mazzi che si possono utilizzare. Arricchiscono il volume una serie di note storiche e una bibliografia della letteratura classica sull’argomento.

L’autore, Carlo Rossetti, è un personaggio poliedrico, nato a Torino nel 1876, fu dapprima Ammiraglio della Regina Marina, poi addetto diplomatico nelle colonie italiane come Ministro Plenipotenziario, ricoprendo in seguito importanti cariche che lo portarono spesso all’estero per conto della Società delle Nazioni. Linguista, docente universitario, pubblicista, valente fotografo, i suoi interessi furono molteplici e ne resta una valida testimonianza nei suoi scritti (una trentina di libri) che variano dalla politica alla geografia alla linguistica (ad esempio i volumi ancora oggi attualissimi ed utilissimi intitolati “i tranelli dell’inglese” e “i tranelli del francese”) Fu soprattutto un grande studioso di arte magica e possedeva sull’argomento una vastissima biblioteca. Il suo grande merito infatti, fu quello di avere creato con le sue opere una letteratura magica italiana che era praticamente inesistente, in quanto limitata a poche opere artistiche, spesso introvabili e di scarso interesse tecnico, ed a povere traduzioni di testi francesi, pieni di errori ed inesattezze. I suoi libri sono ricchi di notizie storiche, bibliografie ed aneddoti; dei veri e propri manuali formativi. Rossetti pose soprattutto l’accento sulla necessità per il prestigiatore di essere una persona di buona cultura, concetto spesso trascurato con risultati nefasti per il vero progresso dell’arte. Rossetti a più riprese ebbe ad insistere sulla necessità di curare ed esaltare la propria personalità, di parlare con proprietà di linguaggio, di vestire correttamente, di essere misurati nel tratto e nei rapporti col pubblico. Elementi e concetti, questi, fondamentali per un serio e coscienzioso approccio con una forma artistica che trova la sua ragione di esistere proprio nel rapporto artista-pubblico. La grande quantità di materiale raccolto dal Rossetti è stato condensarlo in pochissimi libri:

  • Magia delle carte (1935)
  • Il trucco c’è….ma non si vede (1941)
  • Mago in due minuti (1944).

Il trucco c’è….ma non si vede è un libro in cui si trovano effetti classici, come il gioco dei bussolotti e de degli anelli cinesi, giochi di manipolazione e di magia generale, di magia mentale e matematica. Il valore dell’opera non risiede tanto nella parte tecnica, quanto e soprattutto nella parte culturale, formativa, comportamentale, nelle note storiche e nella bibliografia critica.

Mago in due minuti è un manualetto di giochi ad uso del principiante, scritto però con il consueto garbo e con la consueta tecnica del Rossetti.

Carlo Rossetti dunque, proprio in virtù della sua vasta esperienza e preparazione culturale, seppe affrontare in maniera originale e “scientifica” l’argomento, ordinato nella composizione e nello sviluppo della materia, preciso nell’esposizione, ricco di riferimenti bibliografici e di note storiche. Rossetti, inoltre, seppur avendo scoperto la vocazione per questa forma di arte quando era già molto avanti negli anni, divenne ugualmente un’abile prestigiatore e fu un distinto e brillante dilettante, padrone di un’ottima tecnica, soprattutto per quanto concerne la prestigiazione con le carte.

Purtroppo Rossetti non ebbe la fortuna di veder sorgere il Club Magico Italiano (fondato nel 1952), perché morì a Roma il 26 settembre 1948, lasciando incompiute diverse opere

Be Sociable, Share!
Share

Back Top

Risposte a“Carte che passione!!!”

Commenti (0) Trackbacks (0) Lascia un commento Trackback url
  1. Ancora nessun commento
  1. Ancora nessun trackback

Lascia un commento